MuL↔ER Zambezia – Il cambiamento, attraverso le energie rinnovabili

Località

Namanjavira, località sede e Alto Benfica, Distretto di Mocuba

Inizio progetto

1/11/2018

Fine progetto

31/10/2021

Importo

2.365.000,00

Aree di intervento

Donor pubblici

Partners

AVSI – people for development

La Zambezia è una delle regioni più povere del Mozambico, che si estende per più di 100.000 Km2 e che soffre la carenza di infrastrutture adeguate e di impianti elettrici, specie nelle zone rurali, dovuta a costi proibitivi e alle grandi distanze.

Nel paese l’accesso all’energia copre infatti il 24.2% della popolazione senza fornire un servizio adeguato: frequenti sono i black out e fisse le tariffe, indipendentemente dal consumo.

 

Questa limitazione costituisce un freno molto potente alle possibilità di sviluppo dell’area, e si abbina ad una marcata disparità di genere: le donne che vivono nelle aree rurali sono vincolate al lavoro agricolo – unica fonte di sussistenza, da cui non traggono alcun valore economico aggiuntivo – non hanno nessun potere decisionale, né uguaglianza di diritti rispetto agli uomini.

 

Con il progetto ILUMINA: MuL↔ERZambezia – Sviluppo locale attraverso energie rinnovabili, realizzato con il supporto dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e in partenariato con AVSI – people for development, ci proponiamo di intervenire su ognuno di questi elementi, partendo con l’introduzione di un sistema energetico a tecnologia solare efficiente e sostenibile nella regione.

 

Due zone rurali vedranno la creazione di un nuovo impianto e una valorizzazione delle capacità tecniche delle associazioni lì presenti, che avranno l’occasione di migliorare le proprie competenze tecniche specifiche, con un attenzione particolare alla componente femminile. A completare la nostra azione sarò l’introduzione di altri fattori di sviluppo, come fornelli migliorati per il risparmio di consumo di legna e riduzione di emissione di carbonio (ICS), istallazioni irrigue e momenti di formazione in ambito di gestione di risorse, per il rafforzamento della resistenza e della resilienza delle comunità all’arrivo di shock esterni.

 

Parole d’ordine: rispetto ed empowerment!