Aree di intervento

Ripercorre la lista delle centinaia di progetti realizzati in tanti paesi, ci fa soprattutto ricordare le innumerevoli persone con cui abbiamo lavorato: i nostri partners locali, prima di tutto, con cui abbiamo creato vere e proprie alleanze trasversali al nord e al sud del mondo; i nostri lavoratori, locali ed espatriati, che spesso collaborano con noi anche da decine di anni; i beneficiari degli interventi; le autorità locali e internazionali; gli amici e i sostenitori.

Nell’arco degli anni abbiamo realizzato interventi in numerosi settori: da quelli più tradizionali – quali la sanità, la formazione professionale, l’agricoltura, l’educazione primaria, la tutela e la sostenibilità ambientale, fino a progetti sempre più complessi e innovativi – il settore economico, l’avvio di piccole e medie imprese e di cooperative, il capacity building di istituzioni pubbliche e di quelle create dalle società civili locali, la tutela dei diritti umani, l’habitat e il territorio.

Abbiamo anche imparato a confrontarci con l’aiuto umanitario e le emergenze (ambientali e sociali) e con i problemi di sicurezza che questi interventi impongono di affrontare.

Oggi più nello specifico, intendiamo la cooperazione allo sviluppo come opportunità e crescita. Per questo vogliamo con convinzione e pragmatismo superare la logica del dono, appena le condizioni delle comunità con cui lavoriamo lo permettono: Balcani, America Latina, Mediterraneo ci chiedono partnership e non beneficenza. Questo significa accettare di ribaltare con coraggio il nostro ruolo.